Hotel Vicenza Est

Una giornata a Marostica

Muovendosi sulla direttrice Vicenza-Bassano si passa obbligatoriamente per  Marostica: se siete in viaggio a caccia di scorci e paesaggi caratteristici una fermata è d’obbligo in questa cittadina che sorge ai piedi dell’altopiano di Asiago.

Il centro storico di Marostica è circondato da una cinta muraria medievale, risalente al 14° secolo, che congiunge il Castello Inferiore al Castello Superiore: di origine scaligera, volute da Cangrande della Scala, le mura cingono un caratteristico borgo e si inerpicano fino alla sommità della collina che domina la pianura dall’alto.

Dentro le mura la suggestiva Piazza degli Scacchi che, leggenda narra, fu teatro nel 1454 di una battaglia a suon di mosse scacchistiche per vincere il cuore di una fanciulla contesa; per far rivivere tale evento, dagli anni 20 del secolo scorso, ogni due anni, viene messa in scena la Partita a Scacchi con personaggi viventi: questo il motivo per cui Marostica, in tutto il mondo, è famosa come la Città degli Scacchi.

A soli 7 km da Marostica si trova la pittoresca Bassano del Grappa. Adagiata sulle due rive del Brenta, è proprio il ponte che attraversa il fiume ad essere il simbolo più conosciuto della città: pare che una prima versione di questa struttura sia stata realizzata già nel 1209 e che consistesse in un ponte in legno su piloni  coperto da un tetto. Nel corso dei secoli è stato poi distrutto, ricostruito e rimaneggiato più volte; la sua forma attuale la si deve ad un progetto di Andrea Palladio del 1569 anche se, concretamente, il ponte che attualmente si può vedere è datato 1948, ultima data di ricostruzione dopo essere stato raso al suolo durante la Seconda Guerra Mondiale è conosciuto come il Ponte degli Alpini.

Ma Bassano non è solo Ponte: infatti passeggiando lungo i saliscendi del suo centro storico si possono scorgere ovunque edifici storici, ville palladiane e altre antiche dimore che al loro interno custodiscono opere e affreschi di famosi artisti quali il Canova. D’obbligo è il passaggio per le due piazze principali sulle quali affacciano chiese e il museo cittadino per salire, poi fino al Castello.

Indelebili le tracce che la Grande Guerra ha lasciato in città con alcuni fori di proiettili e di granate che ancora si posso vedere sui muri di qualche edificio che sorge lungo il fiume; da visitare anche il museo degli Alpini.

Dopo essersi immersi nella storia e nella cultura della città prima di andarsene è d’obbligo assaggiare i prodotti che le storiche distillerie offrono a tutti i loro clienti.

Testo di Tiziano Lunardon; date e alcuni cenni storici tratti dalle pagine Wikipedia “Marostica”, “Bassano del Grappa” e “Ponte di Bassano”

Prenota

Email

Chiama